Finestre Scorrevoli

Finestre Scorrevoli

CONTATTI

Eclisse Srl
Via Sernaglia, 76
31053 Pieve di Soligo
Treviso

Tel. +39 (0)438 980513
Fax +39 (0)438 980804

 

 

 

Finestre Scorrevoli


Finestre Scorrevoli

I sistemi per controtelai da esterni cancellano l’ingombro di alzanti, persiane e inferriate, rispettando i requisiti di isolamento termico e acustico stabiliti dalle normative in vigore.

Prima di installare dei serramenti scorrevoli per esterni è importante tenere in considerazione alcuni aspetti e seguire particolari accorgimenti per evitare che, un domani, si verifichino situazioni spiacevoli. Le specifiche caratteristiche del controtelaio per esterni, non sono da sole sufficienti a garantire la riuscita di un prodotto ottimale. I controtelai per finestre scorrevoli possono essere installati solo su pareti che soddisfano determinati requisiti, requisiti che a volte sono dettati da normative specifiche. Vale la pena ricordare che qualsiasi controtelaio per finestre scorrevoli non può sostituire il muro in quanto non ha la stessa solidità strutturale e, pur essendo autoportante, non può sopportare da solo eventuali urti provenienti dall’esterno. Per questa ragione va protetto posizionandolo sempre tra due pareti.

La crescente necessità di risparmio energetico, di riduzione dei consumi e la generale esigenza di migliorare il comfort abitativo dipendono in maniera rilevante dalle modalità con cui si è scelto di isolare i muri della casa. Per assicurare un adeguato isolamento, alle superfici esterne, comprese quelle in cui è collocato un controtelaio per serramenti scorrevoli a scomparsa, devono essere applicati idonei prodotti coibentanti allo scopo di costruire una specifica stratigrafia della parete (a “cappotto esterno” o intercapedine). Nella porzione di parete nella quale è inserito il controtelaio, l’isolante termico va posto sempre sul lato interno dell’abitazione rispetto al controtelaio.
Una parete ben isolata deve comunque sempre essere traspirante per evitare la formazione di muffe, condense ed umidità sia sulle superfici delle pareti, quanto all’interno dei muri. E’ importante quindi che i fianchi del controtelaio non siano realizzati con materiale che rappresenta una barriera al vapore, come ad esempio la lamiera, ma con materiale che frena solamente la fuoriuscita del vapore, senza bloccarlo.
Inoltre, una qualsiasi parete esterna deve garantire determinate prestazioni acustiche. Questa regola vale ovviamente anche per quelle pareti in cui è collocato un controtelaio che ospita una finestra scorrevole a scomparsa. Specifiche normative disciplinano i valori limite di isolamento standardizzato di facciata. Il valore di riferimento del potere fonoisolante di una parete esterna avente una o più finestre scorrevoli deve essere almeno pari a 40 db. Questo risultato si ottiene quando la parete ha una massa di almeno 130 kg/mq, oppure è dotata di materiale avente apposite proprietà di abbattimento acustico.
Oltre all’isolamento termico verso l’esterno, una parete deve possedere un ulteriore requisito. L’l’inerzia termica è la capacità di una parete di trattenere il calore nel tempo per mitigare gli sbalzi termici che esistono nell’arco di una giornata e ridurre al minimo l’escursione termica. Questa caratteristica è importante sia sotto la prospettiva del maggior benessere sia dal punto di vista di maggior risparmio energetico. Una temperatura uniforme nelle diverse ore della giornata, oltre a ridurre gli sbalzi di temperatura, riduce gli apporti di energia di riscaldamento (in inverno) o raffreddamento (in estate). Se si è scelto di installare finestre scorrevoli, si consiglia a tal proposito di inserire una parete con una certa massa sia sul lato interno del controtelaio, oltre all’isolante termico, per accumulare il calore proveniente dal riscaldamento della casa (in inverno), sia sul lato esterno del controtelaio, per accumulare il calore proveniente dall’esterno (in estate) e rallentarne l’ingresso in casa.

In termini di durata nel tempo, un controtelaio posto su finestre scorrevoli per esterni deve poter resistere agli agenti atmosferici e all’azione corrosiva della salsedine presente lungo le aree costiere. Una durata pressoché illimitata si raggiunge attraverso la scelta e la qualità dei materiali: montanti verticali, traversa superiore e profili orizzontali in acciaio preverniciato, profilo sottoporta in acciaio inox, fianchi in polistirene espanso e fibra di vetro resistenti alle condizioni atmosferiche, al gelo ed alle alte temperature.